La serie coreana Squid Game ha conquistato il pubblico di Netflix, ma la popolarità raggiunta dal progetto creato e diretto da Hwang Dong-hyuk ha creato non pochi problemi al proprietario di un numero di telefono che appare sullo schermo.

Negli episodi si vede infatti il personaggio interpretato da Gong Yoo mentre cerca di convincere Seong Gi-hun (Lee Jung-jae) a partecipare allo show che permette ai concorrenti di conquistare una grande somma di denaro, mettendo però a rischio la loro vita. La scena mostra un biglietto da visita che riporta il contatto telefonico del reclutatore e gli spettatori hanno iniziato a inviare messaggi e a telefonare al numero, senza sapere che un ignaro cittadino coreano possiede realmente quella linea.

Il sito South China Morning Post ha infatti svelato che un quarantenne che vive nella provincia di Gyeonggi sta ricevendo una media di 4.000 telefonate al giorno e ha scoperto solo in un secondo momento che la causa di tutto questo è l’apparizione nella serie Squid Game del suo numero. A chiamarlo sono soprattutto ragazzini che dichiarano di voler partecipare al gioco e le telefonate, i messaggi e le foto lo disturbano anche in piena notte.

Il politico Huh Kyng-young, del Partito Nazionale Rivoluzionario, si è offerto di pagare 85.000 dollari per acquistare il numero, tuttavia il proprietario sostiene di non voler cambiare contatto perché lo ha ormai da un decennio ed è legato al suo lavoro. I responsabili di Netflix, nel frattempo, sembra siano entrati in contatto con il quarantenne per trovare una soluzione al problema, probabilmente modificando in qualche modo il numero di telefono mostrato in Squid Game o offrendo un compenso economico per ripagare i danni subiti.

Fonte: South China Morning Post