Rainn Wilson per anni ha interpretato Dwight in The Office, ma ai tempi era infelice e voleva una carriera da stella del cinema.

Ospite nel podcast Club Random di Bill Maher, l’attore ha ammesso che ai tempi non era conscio del sucesso che la serie tv avrebbe avuto, e non era contento con la sua vita:

Quando ero in “The Office”, ho passato diversi anni per lo più infelici perché non era abbastanza.
Mi sto rendendo conto ora, di essere stato in uno show di successo, nominato agli Emmy ogni anno, di aver fatto un sacco di soldi, di aver potuto lavorare con Steve Carell, Jenna Fisher e John Krasinski e questi fantastici scrittori e incredibili registi come Paul Feig. Sono in uno dei grandi programmi TV. La gente lo adora. Non mi stavo divertendo. Stavo pensando: ‘Perché non sono una star del cinema? Perché non sono il prossimo Jack Black o il prossimo Will Ferrell? Come mai non posso avere una carriera cinematografica? Perché non ho quei contratti?”
Quando ero in “The Office”, mi stavo facendo rodere dall’interno, e ok, stavo guadagnando centinaia di migliaia di dollari. Ma ne volevo milioni ed ero una star della TV, ma volevo essere una star del cinema. Non era mai abbastanza. Gli esseri umani hanno vissuto per centinaia di migliaia di anni e “non è mai abbastanza” ci ha aiutato come specie.

The Office è disponibile su Netflix.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento qui sotto oppure, se preferite, sui nostri canali social.

Se volete rimanere aggiornati con tutte le notizie dal mondo di The Office, potete consultare la nostra scheda.

Fonte: Variety