Vi riproponiamo la recensione del primo episodio di Arrow, che abbiamo visto al Comic-Con di San Diego.

C’era molta attesa per il pilot di Arrow, nuovo adattamento di una serie a fumetti della DC Comics che arriva dopo un anno e mezzo dalla chiusura di Smallville. La serie è esattamente come ce la siamo immaginata guardando i trailer. Il protagonista è Oliver Quinn (il modello Stephen Amell, che sullo schermo appare splendidamente ma di recitazione sa poco o nulla), un playboy miliardario che finisce naufrago su un’isola con il padre, e sopravvive cacciando con un arco fabbricato con le proprie mani. Ritrovato dopo cinque anni, è ovviamente cambiato in meglio. Non è più l’egoista figlio di papà bellissimo e ricchissimo; ora è diventato l’altruista orfano (scopriamo più avanti come è morto il padre) bellissimo e ricchissimo. Con sé ha una lista di nomi lasciatagli dal padre: dovrà far compiere delle azioni a queste persone, e il “villani” dell’episodio è propr...