Gemini Man sembra non aver incontrato il favore della critica e del pubblico, eppure il film di Ang Lee avrà per sempre un posto nella storia del cinema per l’uso rivoluzionario della tecnologia impiegata per ricreare una copia ringiovanita del protagonista Will Smith.

Un nuovo video dietro le quinte mostra i prima/dopo di diverse scene in cui la star ha recitato con la tuta del performance capture per poi essere sostituita dalla sua ricostruzione digitale. Negli ultimi anni sono diversi i film che hanno ringiovanito i propri attori per motivi narrativi (basti pensare ai film Marvel o a The Irishman), ma nel caso di Gemini Man il numero di sequenze e la possibilità per il regista di vedere il risultato in real-time su uno schermo sono stati elementi determinanti: non si è trattato di una sostituzione facciale, ma l’intero attore è stato sostituito completamente da una sua copia digitale, come ha spiegato recentemente il supervisore di VFX Bill Westenhofer:

Non si tratta di invecchiamento né di sostituzione del viso: Junior è una  creazione completamente digitale, basata al 100% sull’acquisizione delle prestazioni fisiche di Will Smith.

Potete vedere il video qui sopra!

in Gemini Man Will Smith interpreta Henry Brogan, un esperto assassino che viene improvvisamente inseguito da un agente più giovane in grado, apparentemente, di prevedere ogni sua mossa. È un clone di se stesso, più giovane di 25 anni e all’apice delle abilità.

Nel cast anche Mary Elizabeth Winstead, Clive Owen e Benedict Wong.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti o sul forum!

 

Consigliati dalla redazione