Le riprese del, anzi, dei sequel di Avatar sono cominciate e la notizia ha avuto, chiaramente, una forte risonanza nel mondo dell’informazione cinematografica.

A qualche anno dall’uscita del primo capitolo c’è, però, una cosa che fa ancora infuriare Ryan Gosling, prossimamente nei cinema con Blade Runner 2049. E si tratta di una cosa su cui l’internet ironizza ormai da parecchio tempo: l’impiego del font Papyrus per il logotitolo della pellicola, un font che può tranquillamente essere trovato su qualsiasi Pc e che in un film dal budget stratosferico come quello di James Cameron, risulta quantomeno assurdo.

Nella parte alta di questa pagina, potete trovare il divertente sketch del Saturday Night Live andato in onda sabato, puntata presentata proprio dalla star di Drive e Blade Runner 2049.

Le riprese dei sequel di Avatar sono partite il 25 settembre negli studi di Manhattan Beach in California. I primi due film arriveranno nel 2020 e nel 2021, mentre gli altri due – dopo una pausa di 3 anni – approderanno nei cinema nel 2024 e nel 2025.

Il bugdget complessivo per i quattro progetti dovrebbe superare il miliardo di dollari, con una media di 250 milionidi dollari circa a film.

Scritti da Cameron insieme a Rick Jaffa, Amanda Silver, Josh Friedman e Shane Salerno, i sequel sono prodotti da Cameron e Jon Landau con la loro Lightstorm Entertainment e dalla 20th Century Fox.

Nel cast tornano Sam Worthington, Zoe Saldana, Joel David Moore, Stephen Lang, Sigourney Weaver, Matt Gerald e Cliff Curtis, affiancati da Oona Chaplin e CCH Pounder.

Avatar 2 uscirà il 18 dicembre 2020, mentre l’anno successivo, il 17 dicembre 2021, uscirà Avatar 3. Passeranno poi tre anni per l’uscita di Avatar 4, prevista per il 20 dicembre 2024, e di Avatar 5, previsto per il 19 dicembre 2025.