Dicembre si apre con la vittoria, per il secondo weekend di seguito, di Coco al box-office nordamericano: con 26.1 milioni di dollari, il film Disney • Pixar sale a 108.7 milioni di dollari, cui si aggiungono altri 69 milioni di dollari raccolti fuori dagli USA, per un totale globale di 280 milioni di dollari. Ben 75.6 milioni arrivano dalla Cina, che supera il Messico (55.6 milioni) e diventa il secondo paese con il maggiore incasso dopo gli Stati Uniti.

Rimane al secondo posto anche Justice League, che incassa 16.6 milioni di dollari e sale a 197.3 milioni di dollari, per un totale globale di 567.4 milioni di dollari (di cui quasi 100 raccolti in Cina). Per il momento è ancora il peggior incasso mondiale per un film dell’Universo Cinematografico DC (il più vicino è L’Uomo d’Acciaio con 668 milioni di dollari), segnale piuttosto preoccupante per la Warner Bros.

Terza posizione per Wonder, che tiene ancora bene e incassa 12.5 milioni di dollari, per un totale di 88 milioni di dollari negli USA e un totale globale ormai sopra i cento milioni.

Quarto posto per Thor: Ragnarok, con 9.7 milioni di dollari e un totale di 291.4 milioni negli USA (816 nel mondo). Chiude la top-five Daddy’s Home 2, con 7.5 milioni di dollari e un totale di 82.8 milioni di dollari.

Al sesto posto Assassinio sull’Orient Express incassa 6.7 milioni di dollari, per un totale di 84.7 milioni di dollari in un mese. Ottimo anche il risultato fuori dagli USA, per un totale di 237 milioni globali (ne è costati 55).

Settima posizione per Lady Bird: il film arthouse firmato Focus Features incassa altri 4.5 milioni di dollari in quasi 1.200 cinema, salendo a 17 milioni di dollari e un incremento del 12% rispetto agli incassi di una settimana fa. Ottima tenuta, all’ottavo posto, anche per Tre Manifesti a Ebbing, Missouri: la pellicola Fox Searchlight incassa 4.5 milioni di dollari in meno di 1.500 cinema, salendo a 13.7 milioni in un mese.

Nona posizione per The Star (4 milioni, 27 complessivi), seguito da A Bad Moms Christmas (3.4 milioni, 64.8 complessivi).

In release limitata si fanno notare The Disaster Artist che, uscito in 19 cinema, incassa la bellezza di 1.2 milioni di dollari (con 64mila dollari di media) e The Shape of Water che, uscito in soli 2 cinema, incassa 166mila dollari (con 83mila dollari di media). Il record annuale della media d’apertura per sala è ancora saldamente in mano a Chiamami col tuo Nome, che questo weekend perde il 31% (ma è uscito nel ricco weekend del Ringraziamento) e scende dal quattordicesimo al quindicesimo posto, incassando 281mila dollari sempre in quattro cinema e supera i 900mila dollari complessivi in soli dieci giorni. La media per sala è ancora altissima: 70mila dollari.

 

Consigliati dalla redazione