È ancora una volta Black Panther a vincere il weekend al box-office nordamericano.

Per la quinta settimana consecutiva, la pellicola dei Marvel Studios rimane in testa alla classifica. Negli ultimi 20 anni è capitato solo a tre film: Il Sesto Senso (1999), Avatar (2009) e appunto Black Panther. Con 27 milioni di dollari in tre giorni, il blockbuster ha raggiunto così i 605.4 milioni di dollari, diventando il settimo maggiore incasso della storia negli USA. Grazie ad altri 30 milioni raccolti nel resto del mondo, poi, arriva a 1.18 miliardi di dollari in tutto il mondo (14esimo maggiore incasso di sempre).

Debutta al secondo posto Tomb Raider: dopo un esordio al primo posto, il film con Alicia Vikander incassa 23.5 milioni di dollari negli USA, ottenendo comunque una buona media. Molto più convincente l’esordio internazionale: 84.5 i milioni incassati in 65 territori (di cui poco meno della metà nella sola Cina), per un totale globale di 126 milioni di dollari (ne è costati 94).

La vera sorpresa del weekend comunque è I Can Only Imagine: il film d’ispirazione religiosa diretto dai fratelli Erwin incassa ben 17.1 milioni di dollari, ottenendo una media superiore ai 10mila dollari per sala (è uscito in 1.600 cinema). Costato solo 7 milioni di dollari, ha ottenuto il maggiore incasso di sempre per un film di Roadside Attractions.

Scende al quarto posto Nelle Pieghe del Tempo: con 16.6 milioni di dollari la pellicola di Ava DuVernay sale a 61.1 milioni di dollari. Apre al quinto posto Love, Simon: il film di Greg Berlanti, costato 17 milioni di dollari, ne raccoglie 11.5 ottenendo peraltro un raro punteggio CinemaScore A+.

Al sesto posto Game Night incassa 5.5 milioni di dollari e sale a 54.1 milioni complessivi, mentre al settimo Peter Rabbit con 5.2 milioni di dollari supera i 100 milioni complessivi (ne è costati 50). Ottava posizione per Strangers: Prey at Night, che incassa 4.8 milioni di dollari e sale a 18.6 milioni complessivi, mentre chiudono la top-ten Red Sparrow (4.4 milioni, 39.5 milioni complessivi) e Il Giustiziere della Notte (3.3 milioni, 30 milioni complessivi).

Da notare che Jumanji: Benvenuti nella Giungla, grazie agli 1.6 milioni incassati nel weekend, supera il tetto dei 400 milioni complessivi negli USA: è il secondo film della storia della Sony a superare questa soglia dopo Spider-Man. In tutto il mondo la pellicola ha superato i 940 milioni di dollari.