Entertainment Weekly ha scambiato due parole con Johnny Depp a proposito del suo ruolo in Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald, il sequel di Animali Fantastici e Dove Trovarli diretto ancora una volta da David Yates su una sceneggiatura di J.K. Rowling.

Si tratta della prima intervista che Depp rilascia alla stampa: durante la chiacchierata l’attore ha parlato della genesi di Grindelwald sul grande schermo, del rapporto con David Yates e J.K. Rowling e di quello con i fan.

Ne trovate alcuni estratti qui di seguito:

Cosa ti ha attratto dal personaggio? 
L’ho trovato affascinante e complesso. La mia reazione istintiva è stato pensare a una versione umana di La veglia di Finnegan: il romanzo di James Joyce inizia e finisce nel mezzo di una frase. Arrivi a metà di un pensiero e quindi è tutto così confusionario.

Nel primo film Colin Farrell ha interpretato Grindelwald, con le sembianze di Percival Graves. La sua interpretazione ha influenzato un po’ di cose? 
Sì e no. Visto che Grindelwald faceva finta di essere Graves, la sua responsabilità è stata di interpretare Graves. Se penso ai momenti più contemplativi di Colin – quelli silenziosi – è lì che mi viene in mente Grindelwald.

Sei noto per contribuire a dare forma ai personaggi che interpreti. Hai contribuito alla sua prima apparizione nel primo film?
Avevo un’immagine dentro la mia testa. Il bello di J.K. e di Yates è che hanno riposto fiducia in me. Io e J.K. abbiamo parlato a lungo, le ho proposto le mie idee e lei mi ha detto: “Non vedo l’ora di scoprire cosa farai con lui”. Mi ha fatto un regalo bellissimo. […] Lei e David sono stati fantastici nel permettermi di uscire fuori dal copione, viaggiare un po’ e provare cose nuove. Trovo sempre molto soddisfacente quando le cose succedono per errore o per caso.

Ha un occhio diverso dall’altro. C’è una storia dietro?
È un tratto del personaggio. Ho sempre visto Grindelwald come più di uno, se capisci cosa intendo. È come se ci fossero due persone in lui, due gemelli in un solo corpo. Un occhio diverso rappresenta il suo altro lato. Come se avesse un cervello per ogni occhio, un gemello albino…e lui è una via di mezzo.

Cosa pensa Grindelwald di Silente a questo punto? 
Credo sia solo in attesa. È in attesa dell’inevitabile scontro finale. Credo ci sia ancora qualcosa di residuo dei tempi passati. Avevano un legame stretto, no? Quando ami qualcuno, quando tieni a qualcuno, e finisci per entrarci in conflitto – come successo con Silente e Grindelwald – è molto pericoloso. Lo è per forza quando le cose diventano personali.

Si è parlato molto della sessualità di Silente, ma pochissimo si sa di Grindelwald. Cosa ne pensi della sua sessualità e quanto lo si nota nella tua interpretazione? 
Credo che spetti al pubblico farsi per primo un’idea, e quando verrà il momento…renderà la situazione con Silente ancora più intensa. Credo sia geloso di Scamander, però. Vede Scamander come il protetto di Silente – il suo ragazzo, in un certo senso. È tutto ciò che basta per convincere Grindelwald a voler mettere fuori gioco Scamander in modo feroce e definitivo.

Un’altra controversia riguardava la tua partecipazione al film. Il regista, lo studio e J.K. Rowling ti hanno mostrato pubblico supporto. Com’è stato per te e c’è qualcosa che vorresti dire ai fan? 

Sarò sincero con te. Mi è dispiaciuto che J.K. Rowling abbia dovuto fare i conti con tutto quello che pensava la gente, mi dispiace davvero che abbia dovuto affrontare tutto questo, ma la controversia rimane. Sono stato falsamente accusato, che è il motivo per cui ho denunciato il Sun per diffamazione. J.K. Rowling ha visto le prove, sa che è stato dichiarato il falso ed è per questo che mi ha sostenuto pubblicamente. Lei non prende le cose alla leggera, non avrebbe preso le mie parti se non avesse saputo la verità. E questo è quanto.

Qualcos’altro che vuoi che i fan sappiano?

Un paio di cose. Credo che per un attore sia importantissima la lealtà. È mio lavoro rappresentare la visione di un autore e quella di un regista. Poi c’è la fedeltà alla mia visione delle cose. È una responsabilità enorme ricevere le chiavi di quest’auto. La mia intensa lealtà non è solo rivolta a J.K. e a David Yates, ma alle persone che andranno a vedere il film, alle persone che hanno investito una vita in questo mondo magnifico e incredibile che J.K. ha creato. Mi sono completamente dedicato al personaggio conoscendo la mia responsabilità, ed è bello condurre il pubblico in un sentiero che non necessariamente si aspetta, seppur con grande rispetto per il mondo che oramai conoscono così bene. I fan di Harry Potter sono praticamente degli studiosi di tutto questo, e lo trovo incredibilmente impressionante. Conoscono il mondo a tutto tondo. Spero di poter donare loro qualcosa che non hanno mai visto prima.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

LEGGI ANCHE

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Le riprese sono partite il 3 luglio 2017 e sono terminate il 20 dicembre.

Nel cast confermato Eddie RedmayneKatherine WaterstonAlison SudolDan FoglerJohnny Depp e Jude Law. Credence, il cui destino non era chiaro alla fine del primo film, farà ritorno con il volto di Ezra Miller. Kevin Guthrie tornerà a vestire i panni di Abernathy, il capo di Tina al MACUSA, mentre Carmen Ejogo sarà il capo del MACUSA Seraphina Picquery.

Tra le nuove reclute: Zoë Kravitz nei panni Leta Lestrange dopo una comparsa nel primo film, Callum Turner in quelli di Theseus Scamander e Claudia Kim nei panni di una circense. Accanto a loro troviamo William Nadylam: sarà un mago di nome Yusuf Kama; Ingvar Sigurdsson sarà il cacciatore di taglie Grimmson; Ólafur Darri Ólafsson sarà Skender, proprietario del circo. David Sakurai sarà uno dei seguaci di Grindelwald e infine Brontis Jodorowsky sarà Nicholas Flamel, il creatore della Pietra Filosofale.

La sceneggiatura, ancora una volta scritta da J.K. Rowling, è ambientata nel 1927, alcuni mesi dopo che Newt ha collaborato allo smascheramento e alla cattura del celebre mago oscuro Gellert Grindelwald. Tuttavia, come da lui promesso, Grindewald è riuscito a evadere e ha iniziato a radunare seguaci uniti alla sua causa: il dominio dei maghi su tutti gli esseri non magici. L’unico capace di fermarlo è il mago che una volta chiamava amico: Albus Silente. Ma Silente avrà bisogno dell’aiuto del mago che aveva già ostacolato Grindelwald in passato, il suo ex-studente Newt Scamander. L’avventura ricongiungerà New con Tina, Queenie e Jacob, ma la missione metterà alla prova le loro lealtà costringendoli ad affrontare nuovi pericoli in un mondo magico sempre più diviso e pericoloso.

L’azione si concentrerà brevemente a New York, e poi a Londra e a Parigi: ci saranno anche alcuni richiami alle storie di Harry Potter che i fan dei libri e dei film adoreranno.

David HeymanJ.K. RowlingSteve Kloves e Lionel Wigram figurano come produttori mentre Tim Lewis, Neil Blair, Rick Senat e Danny Cohen come produttori esecutivi.

Nel cast tecnico il premio Oscar direttore della fotografica Philippe Rousselot; il tre volte premio Oscar scenografo Stuart Craig, il tre volte premio BAFTA montatore Mark Day, la quattro volte premio Oscar costumista Colleen Atwood, il premio Oscar supervisore degli effetti visivi Tim Burke e il candidato al premio Oscar supervisore degli effetti visivi Christian Manz.

La data d’uscita è fissata al 15 novembre 2018.