JC Lee, unica figlia ed erede di Stan Lee, è intervenuta con fermezza nel “divorzio” tra Sony e Disney sul franchise di Spider-Man rilasciando alcune dichiarazioni a TMZ che senza dubbio scateneranno altre polemiche – dopo che Jeremy Renner è stata la prima star dell’UCM a schierarsi pubblicamente dalla parte della Disney.

Secondo TMZ, JC Lee ritiene che suo padre Stan Lee sarebbe stato felice di apprendere la notizia che Sony ha preferito tenere il controllo creativo per i film di Spider-Man e dei personaggi collegati al franchise, possibilmente rimuovendolo dall’Universo Cinematografico Marvel. Una mossa giudicata “necessaria”, che Stan Lee avrebbe “apprezzato”:

Che la Marvel e la Disney cerchino di avere il controllo totale delle creazioni di mio padre è una cosa che va monitorata. Per equilibrare, serve che ci siano altri che, pur perseguendo il profitto, abbiano un rispetto genuino per Stan Lee e il suo lascito.

[…] Che si tratti di Sony o di chiunque altro, l’evoluzione continua dei personaggi di Stan e il suo lascito meritano punti di vista differenti.

[…] Quando mio padre è morto, nessuno della Marvel e della Disney mi ha contattata. Dal primo giorno, hanno sfruttato economicamente il lavoro di mio padre e non hanno mai mostrato rispetto o educazione nei confronti suoi o del suo lascito. Alla fine, nessuno potrebbe aver trattato peggio mio padre dei dirigenti di Marvel e Disney.

Se il giudizio sul controllo totale delle proprietà intellettuali da parte di un’unica compagnia può stimolare riflessioni (la Disney avrebbe mai prodotto film come Logan e Deadpool?), le parole successive sono molto pesanti e dipingono un contesto distante anni luce da quello descritto dallo stesso Stan Lee due anni fa quando alla D23 venne nominato Disney Legend. Noi eravamo lì e questo è il video del suo commovente discorso:

 

 

Dopo la morte di Stan Lee, moltissime persone dei Marvel Studios e della Disney gli hanno reso onore (incluso Kevin Feige e Bob Iger), e lo studio ha realizzato numerosi tributi, anche nei film usciti nei mesi successivi.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Consigliati dalla redazione