La notizia che David Benioff e D.B. Weiss hanno lasciato il ruolo di sceneggiatori di una nuova trilogia di Star Wars per dedicarsi al loro contratto milionario con Netflix ha colto tutti di sorpresa. O quasi.

Sì, perché nei mesi scorsi c’erano già state avvisaglie della possibilità che i due showrunner di Game of Thrones lasciassero il progetto, e nelle ultime ore Variety e l’Hollywood Reporter hanno diffuso svariati dettagli sia sulla trilogia a cui stavano lavorando, sia sui motivi per cui l’hanno lasciata.

Innanzitutto, i tre film dovevano essere incentrati sulle origini dei Jedi e la Vecchia Repubblica. Secondo Variety, sarebbero stati slegati dalla saga degli Skywalker, concentrandosi sulla nascita dell’Ordine degli Jedi, un’idea che in un primo momento ha convinto tutti alla Lucasfilm ma che poi ha creato divisioni a causa delle diverse idee riguardo alla direzione che avrebbe dovuto prendere la trilogia. Quello che entrambi i siti affermano è che non vi è stato un licenziamento (come nel caso di Phil Lord & Chris Miller, Josh Trank o Colin Trevorrow), e non a caso nel comunicato ufficiale Kathleen Kennedy ha affermato di sperare di tornare a lavorare con loro in futuro:

David Benioff e Dan Weiss sono narratori incredibili. Speriamo di coinvolgerli in un viaggio in futuro quando avranno modo di liberarsi dai loro impegni e dedicarsi a Star Wars.

Ciò non significa che non ci siano state difficoltà. L’accordo da 250 milioni di dollari stretto ad agosto da Benioff e Weiss con Netflix (che sembra volesse un’esclusiva) è stato forse il primo segnale del ridotto interesse da parte dei due verso il progetto di Star Wars: Variety sostiene infatti che i creatori di Game of Thrones avevano ricevuto rassicurazioni sulla possibilità di mantenere un forte controllo creativo della loro trilogia, eppure “numerosi insider affermano che le nuove idee venivano regolarmente bocciate dalla Kennedy e dal suo team”.

Kathleen Kenney Lucasfilm

Secondo l’Hollywood Reporter, la Lucasfilm non avrebbe gradito la notizia dell’accordo, ritenendo che i due avrebbero faticato a produrre una trilogia cinematografica e, in parallelo, anche serie e film per Netflix. A quel punto la compagnia avrebbe iniziato a incontrare altri sceneggiatori per riflettere su idee alternative, e non a caso proprio quando è stato annunciato l’accordo con Netflix la stessa Lucasfilm ha ridefinito ufficialmente l’incarico di Benioff e Weiss sostenendo che avrebbero scritto il primo film e supervisionato la storia del secondo e del terzo (invece che scrivere tutti e tre i film).

Non vanno inoltre sottovalutate le reazioni del fandom di Game of Thrones all’ultima stagione della serie. Benioff e Weiss non sembrano aver preso benissimo il backlash negativo (non è un caso che all’ultimo momento non siano andati all’ultimo panel della saga al Comic-Con di San Diego, dove peraltro non è stato dato spazio a un Q&A con i fan), e le polemiche dei fan contro Rian Johnson su Star Wars: Gli Ultimi Jedi potrebbero aver contribuito a condurli a un ripensamento.

IL FUTURO DELLA TRILOGIA DI STAR WARS DOPO L’ADDIO DI BENIOFF E WEISS

Quello che non è ancora chiaro, a questo punto, è se l’intera trilogia è stata cancellata o se semplicemente Benioff e Weiss verranno rimpiazzati con altri creativi. È più probabile la seconda opzione, visto che la Lucasfilm a maggio di quest’anno aveva fissato tre date d’uscita al 2022, 2024 e 2026, e da alcune dichiarazioni di Bob Iger sembra che il primo film di Benioff e Weiss fosse in programma per il 2022. Quello che afferma l’Hollywood Reporter è che di certo i lavori del nuovo film di Star Wars prodotto da Kevin Feige non verranno accelerati – è sempre possibile però che tocchi alla trilogia di Rian Johnson, l’unica attivamente in sviluppo al momento.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti o sul forum!