Fino ad oggi, il nuovo sequel di Ghostbusters diretto da Jason Reitman è stato chiamato “Ghostbusters 2020”, tuttavia già sappiamo che non si tratta del titolo definitivo, quanto di un working title legato al fatto che la pellicola arriverà nelle sale a luglio dell’anno prossimo. Ma come si chiamerà realmente il film?

Oggi possiamo rivelarvelo in esclusiva: la Sony annuncerà il titolo ufficiale solo tra poche settimane, ma grazie alle nostre fonti possiamo anticiparvi che sarà Ghostbusters: Afterlife.

“Vita nell’aldilà” potrebbe gettare nuova luce sulle dichiarazioni di Dan Aykroyd al The Greg Hill Show, che vi abbiamo riportato ieri:

I giovani attori sono fantastici, e abbiamo una splendida ambientazione e una splendida storia. Sarà spaventoso, provocherà delle riflessioni e sarà un film fatto davvero col cuore. Lo noterete, se avete persone care che vi mancano e che avete perso. Sarà evocativo.

Pare tra l’altro che la pellicola renderà omaggio allo scomparso Harold Ramis “in qualche modo” (la famiglia al centro della storia potrebbe essere collegata in qualche modo proprio a Egon Spengler).

La pellicola sarà un sequel diretto di Ghostbusters 2 (1989), mentre non sarà collegata alla pellicola al femminile uscita nel 2016, e arriverà nelle sale di tutto il mondo nel 2020. Jason Reitman, regista di Juno, Tra le Nuvole, Thank You For Smoking, Young Adult, Tully e The Front Runner, è figlio di Ivan Reitman, regista dei due film originali della saga.

Il film è prodotto dalla Ghost Corps, casa di produzione presente negli studi Sony a Culver City. A scrivere il progetto insieme a Reitman anche Gil Kenan.

Bill Murray, Ernie Hudson e Dan Aykroyd avranno un ruolo nella storia, ed è stato confermato anche il ritorno di Sigourney Weaver ed Annie Potts. Paul Rudd interpreterà un insegnante.

La Sony ha fissato la release della pellicola per il 10 luglio 2020.

Consigliati dalla redazione