A quanto pare il fandom dell’Universo Cinematografico della Marvel devono ringraziare la madre di Chris Evans che, a tempo debito, ha convinto l’attore ad accettare l’iconico ruolo che lo avrebbe consacrato a star di Hollywood, quello di Captain America, ovviamente.

L’aneddoto viene raccontato dalla diretta interessata, Lisa Capuano (in Evans), nella cover story che l’edizione americana di Esquire ha dedicato a Chris Evans.

La donna spiega che la principale preoccupazione di suo figlio era proprio il diventare troppo famoso:

La sua più grande preoccupazione era la perdita del suo “anonimato”. Mi disse “Ora come ora ho una carriera che mi permette di fare un lavoro che mi piace davvero. Ma posso ancora portare a spasso il cane senza che nessuno mi riconosca. Nessuno vuole parlare con me e posso andare dove voglio. L’idea di perdere tutto questo mi terrorizza”. Mi chiamava e mi chiedeva consiglio. Ricordo di avergli detto “Allora, vuoi davvero che la recitazione possa diventare il lavoro che farai per il resto della tua vita? Se accetti questa parte, avrai la possibilità che tutto ciò si realizzi. Non dovrai più preoccuparti di pagare l’affitto a fine mese. Se la accetti, potrai entrare nell’ottica del “non influenzerà negativamente la mia vita, ma allargherà il ventaglio delle mie possibilità”.

Per quel che ci riguarda, non possiamo fare altro che ringraziare Lisa per il consiglio dato a suo figlio Chris Evans.

SU AVENGERS: ENDGAME DEI FRATELLI RUSSO LEGGI ANCHE

Il film è stato diretto da Anthony e Joe Russo ed è stato scritto da Christopher Markus e Stephen McFeely. Tra i produttori esecutivi anche Jon Favreau, regista dei primi due Iron Man.

La sinossi ufficiale del cinecomic:

Metà degli esseri viventi nell’universo sono stati spazzati via e un unico futuro sembra ormai possibile. Riusciranno gli Avengers e i loro alleati supereroi ad annullare il potere distruttivo delle Gemme dell’Infinito? Siamo a fine partita, ed è tempo di fare sacrifici.

Cosa ne pensate di questo nuovo aneddoto su Chris Evans e sua madre? Potete dire la vostra nello spazio dei commenti qua sotto!