Durante il nuovo episodio di una serie di interviste organizzate da Variety e trasmesse anche da PBSSoCal intitolata Actors on Actors, Anthony Mackie ha criticato l’atteggiamento avuto finora dai Marvel Studios per quanto riguarda la diversità non solo nel cast dei suoi film, ma anche e soprattutto delle sue troupe.

Rivolgendosi a Daveed Diggs, protagonista della serie tv Snowpiercer, l’attore ha spiegato (secondo quanto trascritto da ScreenRant):

Quando uscirà The Falcon and the Winter Soldier, sarò io il protagonista. Quando è uscito Snowpiercer, il protagonista eri tu. Abbiamo il potere e l’abilità di fare queste domande… Mi ha sempre irritato l’idea di aver fatto sette film dei Marvel Studios in cui ogni produttore, ogni regista, ogni stuntman, ogni costumista, ogni assistente alla produzione, ogni singola persona era bianca.

L’attore ha poi sottolineato un aspetto di Black Panther che era stato evidenziato anche da alcuni fan:

Poi hanno fatto Black Panther, e c’era un regista nero, un produttore nero, un costumista nero, un coreografo degli stunt nero. È una cosa, se vogliamo, anche più razzista. Perché se assumi i neri solo per “il film dei neri”, allora è come se dicessi che non sono abbastanza degni di un film con un cast prevalentemente composto da bianchi!

[…] I Marvel Studios dovrebbero semplicemente ingaggiare la persona migliore per quel lavoro.

Va sottolineato che negli ultimi anni i Marvel Studios hanno iniziato a premere l’acceleratore sul fronte della diversificazione anche dietro le quinte: Gli Eterni (Chloé Zhao) e Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli, infatti, sono diretti da registi non caucasici (rispettivamente e Destin Daniel Cretton. A due donne è stata inoltre affidata la regia di tre blockbuster: Anna Boden ha co-diretto Captain Marvel, mentre Cate Shortland ha diretto Black Widow e Chloé Zhao ha diretto Gli Eterni.

Fonte: Variety (via CBM / ScreenRant)