Nolan North, il doppiatore di Nathan Drake nella saga videoludica di Uncharted, è stato intervistato da Screen Junkies e, in questa occasione, ha potuto parlare di quello che di aspetta dal film che verrà prodotto dalla Sony.

La voce originale di Nathan Drake spera in un film che non sia un adattamento letterale dei videogiochi di Uncharted:

Se percorreranno la strada dell’adattamento letterale ribadisco che, secondo me, non sarebbe una buona idea per un film basato su un videogame perché in Uncharted sei tu la star del gioco, se vogliamo fare un parallelo con un film. Sei tu la star di quel film perché tu sei Nathan Drake, non io. C’è la mia voce, ci sono i miei movimenti, ma è il giocatore a essere Nathan Drake. Sei tu a decidere quando correre, saltare o gettarti da un precipizio.

Insomma, per Nolan North cinema e videogiochi, in quanto media differenti, hanno bisogno di diversi approcci alla narrazione.

Ricordiamo che a marzo, a causa della pandemia del nuovo Coronavirus originatosi a Wuhan, in Cina, e poi propagatosi in quasi tutto il mondo, la Sony ha messo in pausa la lavorazione del film di Uncharted durante il primo giorno di riprese in Germania.

I protagonisti della pellicola saranno Tom Holland, interprete del giovane Nathan Drake, e Mark Wahlberg che vestirà i panni di Victor Sullivan, il mentore del celeberrimo cacciatore di tesori dell’omonima serie sviluppata dalla Naughty Dog. Insieme a loro anche Antonio Banderas, Sophia Ali e Tati Gabrielle.

In teoria, Tom Holland dovrà girare Uncharted prima di dedicarsi a Spider-Man 3, ma questo comporterà necessariamente una sovrapposizione delle produzioni se lo studio confermerà il proprio calendario. In questo articolo vi spieghiamo come la Sony potrebbe affrontare questa particolare problematica.

Ricordiamo che allo script di Uncharted, in passato, hanno lavorato Joe Carnahan, David Guggenheim, Eric Warren Singer, Jonathan Rosenberg e Mark Walker. L’ultima versione della sceneggiatura è di Art Marcum, Matt Holloway e Rafe Judkins. I registi coinvolti finora nel lungo e travagliato sviluppo del film sono stati David O. Russell, Neil Burger, Seth Gordon e Shawn Levy, oltre a Dan Trachtenberg.