Martin Freeman, interprete di Everett K. Ross in Captain America: Civil War e in Black Panther, ha parlato con ET Online della trama di Black Panther: Wakanda Forever.

Ho parlato su Zoom con Ryan Coogler, il regista e co-sceneggiatore, circa sette o otto settimane fa, mi pare” ha spiegato l’attore. “Mi ha raccontato meticolosamente tutti i passaggi della storia del mio personaggio e di tutto il film, sottolineando i momenti del mio personaggio“.

Ha poi aggiunto:

Ho trovato alcune cose molto bizzarre e mi sa che [Coogler] se n’è accorto viste le reazioni sulla mia faccia ad alcune cose che mi raccontava. Si fermava ogni tanto e poi ripeteva: “Resta con me, andrà tutto bene”.

Sulla possibilità che il film ripaghi le attese, Freeman ha spiegato:

Beh, non l’abbiamo ancora girato, chi lo sa, potrebbe uscire orrendo, ma spero di no ovviamente… spero che la gente apprezzi. […] Ovviamente la speranza è di rendere giustizia al primo film e all’eredità di Chadwick [Boseman] e magari realizzare un altro bel film.

In occasione dell’Investor Day della Disney, lo scorso dicembre, i Marvel Studios hanno annunciato anche alcune novità su Black Panther: Wakanda Forever come il fatto che la pellicola non uscirà a maggio 2022 come inizialmente previsto, ma l’8 luglio 2022.

In tale occasione è stato inoltre confermato che il film inoltre non continuerà a raccontare la storia di T’Challa, ma anzi la produzione “onorerà l’eredità di Chadwick Boseman” scegliendo di non affidare il ruolo ad un altro attore. Kevin Feige ha spiegato, infatti, che il sequel “continuerà a esplorare il mondo incredibile di Wakanda e tutti i personaggi diversificati e ricchi presentati nel primo film“.