Elvis: le recensioni della stampa internazionale | Cannes 75

elvis
Elvis
di Baz Luhrmann
23 giugno 2022 al cinema
Elvis è stato presentato oggi al Festival di Cannes, fuori concorso, e così ecco arrivare online le recensioni della stampa internazionale del film di Baz Luhrmann con Austin Butler e Tom Hanks.

Vi riportiamo quindi alcuni estratti (su RottenTomatoes vi sono già diverse recensioni, generalmente positive):

  • The Guardian – È semplicemente l’ennesimo esercizio di un imitatore di Elvis, con il labbro superiore che si contrae senza motivo.
  • The Wrap – C’è abbastanza energia e carne… da farti ignorare buona parte delle piccolezze, e Butler si getta in un’interpretazione estremamente fisica ma mai cartoonesca o irrispettosa.
  • Los Angeles Times – Lamentarsi del fatto che Elvis sia sostanzialmente una compilation di convenzioni da biopic musicale è un po’ come lamentarsi di un album greatest-hits, inoltre ignora l’abilità di Luhrmann di infondere i cliché di sincerità, energia e sentimento.
  • Telegraph – Non troverete molto sentimento nella drammatizzazione dalla culla alla tomba di Baz Luhrmann, ma il regista australiano ha comunque realizzato qualcosa di più appassionante: una fiaba americana.
  • Deadline – Forse più di chiunque altro abbia raccontato seriamente Elvis, Butler riesce a farlo con successo, soprattutto nella prima parte in cui troviamo un ritmo autentico che ci fa chiedere quali vette ancora più alte Elvis avrebbe potuto scalare.
  • IGN – Una corsa selvaggia chiaramente fatta con tanto amore verso il soggetto, e con uno zelo nel cercare di catturare l’umanità di Presley, sia da parte del regista che del protagonista: questo oltrepassa grandemente gli eccessi e i problemi del film.
  • EW – Non sarà particolarmente fedele ai fatti (non è il classico biopic dalla culla alla tomba), ma proprio come nella fantasia glam di Todd Haynes in Velvet Goldmine, anche questo film raggiunge qualcosa di più complesso e di maggior valore, trovando una sconvolgente intimità nei cambiamenti culturali epocali.
  • Variety – Elvis, nonostante tutti i suoi fuochi d’artificio alla Baz Luhrmann, è un film strano – avvincente ma non sempre convincente, a volte scombinato, con una figura centrale la cui vita non sembra così drammatizzata come viene descritta.
  • Indiewire – È difficile trovare anche solo un po’ di divertimento ironico in qualcosa di così strafatto della stessa roba che vende, qualcosa di così poco interessato a come il protagonista violasse le regole rispetto al proprio regista, e qualcosa di così instancabilmente incapace di trovare qualsiasi sovrapposizione significativa tra le due cose.
  • THR – Se la sceneggiatura troppo spesso si trova a misurarsi con l’incredibile impatto visivo del film, l’affinità che il regista prova per il suo protagonista è sia contagiosa che estenuante.

Elvis arriverà al cinema in Italia il 22 giugno 2022, e che i Måneskin faranno parte della colonna sonora originale del film con la loro versione dell’iconica hit di Elvis Presley intitolata If I Can Dream.

Trovate tutte le informazioni su Elvis nella nostra scheda.

Classifiche consigliate

È necessario attenersi alla netiquette, alla community infatti si richiede l’automoderazione: non sono ammessi insulti, commenti off topic, flame. Si prega di segnalare i commenti che violano la netiquette, BAD si riserva di intervenire con la cancellazione o il ban definitivo.