Dancing Queens, la recensione

Ci sarebbe anche un’idea al centro di Dancing Queens, una proprio di numero, quella di ribaltare il cliché dell’uomo che per lavorare si traveste da donna (in sé una trovata esilarante, considerato come le donne facciano più fatica degli uomini a trovare lavori soddisfacenti e a essere pagate l’equivalente di un uomo) e avere una protagonista che si finge un uomo per poter ballare in uno spettacolo di drag queen. Quindi è una ragazza che sostiene di essere un ragazzo per potersi travestire da donna e, finalmente, ballare. Sembra un incastro da Almodovar ma, a differenza di quel che sarebbe potuto accadere in un suo film, la ragione di tutto è che in quel club di drag queen lavora un coreografo pieno di idee e lei non è entrata in una prestigiosa scuola di ballo.

Sembrano tantissimi eventi per un film, ma in realtà finisce tutto qui. Dancing Queens prende la struttura classica del cinema americano dei “grandi domani” (la scuola, l’alterna...