Nell’erba alta, di Vincenzo Natali, disponibile su Netflix: la recensione

Dopo E venne il giorno le piante colpiscono ancora e stavolta su Netflix. La trama di Nell’erba alta è tratta da un racconto di Stephen King quindi le piante non hanno semplici intenzioni omicide ma attirano con delle voci di vittime, spostano le persone, le fanno perdere e ritrovare, le fanno viaggiare nel tempo e non le lasciano uscire. C’è una coscienza collettiva superiore, scopriamo una mitologia che ruota intorno a una roccia all’alba dei tempi e tutta quella vaghezza incredibile che ha il distinto sapore di romanzo supercondensato. Soprattutto, l’obiettivo è lasciar emergere il male negli uomini. Nella trama gli esseri umani tirano fuori il peggio di sé agiti da qualcos’altro, nella realtà riconosciamo quegli atteggiamenti come il male che popola gli altri del nostro mondo.

Vincenzo Natali trova il The Cube che è in questa storia, cioè una storia ambientata in un luogo astratto ...