Motherland: Fort Salem (seconda stagione): la recensione

La faccenda dei vocalizzi era sicuramente l’elemento che caratterizzava di più la prima stagione di Motherland: Fort Salem. Per il resto, nonostante una premessa abbastanza particolare, la serie Freeform non aveva un worldbuilding molto approfondito. Questa seconda stagione dello show, che da noi è distribuito su Amazon Prime Video, continua su quella falsariga. Nel senso che, a parte un trio di protagoniste caratterizzato e parecchio tormentato, e un personaggio perfetto da odiare – ci arriviamo dopo – la serie non ha quella visione grande che forse la aiuterebbe ad avere più successo. Rimane comunque un progetto che funziona rispetto a quello che propone, e che soddisferà chi aveva amato le prime puntate.

La storia riprende dallo scontro del finale della preceden...