Attenzione! La notizia che segue contiene pesanti spoiler su Avengers: Endgame!


In Avengers: Endgame troviamo un Thor molto diverso dal solito dopo il salto temporale di 5 anni. Il Dio del Tuono, dopo aver perso tutto e dopo aver perso ogni possibilità di sistemare le cose dopo la Decimazione, cade in depressione e la cosa si riflette anche sul suo corpo.

Vedere un Thor in stato di decadenza ha spiazzato molti spettatori a giudicare dalle reazioni sui social, così Entertainment Weekly ha chiesto un parere ai registi.

Come raccontato da Joe Russo:

Come si reagisce al dolore? Volevamo che ognuno dei Vendicatori facesse i conti con la perdita in modo diverso. E Thor è un personaggio estremamente tragico che è stato cresciuto sin da bambino con l’idea di essere re. Qual è la distanza che un Dio come lui può coprire? Qualcuno, in questo caso, che ha l’aspetto di Chris Hemsworth?

Anthony ha aggiunto:

Sebbene ci si diverta nel film per la sua condizione, non si tratta di una gag. È un’espressione della sua situazione interiore, ed è uno degli aspetti in cui ci si può maggiormente immedesimare. Voglio dire, è una risposta molto comune alla depressione e al dolore.

Ecco perché poi non torna come prima” ha precisato Anthony. “È un’esperienza che lo segna“.

In un’intervista con l’Hollywood Reporter, poi, hanno spiegato che l’interpretazione di Hemsworth in Thor: Ragnarok (di cui l’attore andava molto orgoglioso) e l’incontro con Taika Waititi hanno contribuito a ridefinire il personaggio:

Ci ha aiutato con alcune scene fatte con Hemsworth in Infinity War. Avevamo già costruito la nostra versione del personaggio e abbiamo trovato un modo per inserire un po’ di umorismo calandolo attraverso il filtro del realismo psicologico.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Avengers: Endgame è al cinema dal 24 aprile.

LEGGI ANCHE

Il film è stato diretto da Anthony e Joe Russo ed è stato scritto da Christopher Markus e Stephen McFeely. Tra i produttori esecutivi anche Jon Favreau, regista dei primi due Iron Man.