X-Men: Dark Phoenix ha avuto un debutto molto sottotono: negli Stati Uniti ha incassato solo 33 milioni di dollari, un deciso passo indietro se si considera che nessun film della saga aveva mai incassato meno di 50 milioni. Le più recenti proiezioni, basate sulle statistiche della saga, indicano un incasso a fine corsa inferiore ai 100 milioni. A livello internazionale la pellicola è arrivata a 107 milioni, per un totale globale di circa 140 milioni.

Perché un risultato così al di sotto degli standard a cui il franchise di X-Men ci aveva abituato? A parlarne è stato Simon Kinberg in persona durante una intervista recente. Il regista ha ammesso che quando un film non ha successo, si punta sempre il dito verso gli altri, ma si è assunto tutta la responsabilità:

Eccomi qui, a dire che quando un film non riesce, io ne sono il responsabile. Sono lo sceneggiatore e il regista, se il film non coinvolge il pubblico, è colpa mia.

Il regista ha ammesso che non è stato così doloroso riflettere su Dark Phoenix subito dopo il fallimento:

Ho adorato girare il film e ho adorato le persone con cui ho lavorato.

Sebbene sia intrigante speculare su cosa avrebbe potuto salvare la pellicola –  un’altra data d’uscita o un marketing più forte in casa Disney – Kinberg preferisce non pensarci troppo:

In tutta onestà, non c’è modo di saperlo. Ed è una cosa che può far impazzire le persone e indurle a scervellarsi sul fallimento di un film anche a molti anni di distanza. Se la lezione che hai imparato è che la data d’uscita e il marketing erano sbagliati, non è una vera lezione.

CORRELATO: X-Men: Dark Phoenix, le scene che mancano all’appello dagli Skrull al finale alternativo

Ha poi ammesso di aver tratto sollievo da una conversazione avuta con Ridley Scott durante la lavorazione di Sopravvissuto – The Martian. Scott disse che Soldato Jane era il suo film preferito, nonostante non fosse uno dei suoi classici:

Mi disse che era il suo preferito perché si è trattata di una lavorazione fantastica durante la quale ha imparato tantissimo sulla realizzazione di un film. Ho pensato tantissimo a queste parole nel corso degli anni e ci ho pensato anche nel corso dell’ultimo fine-settimana.

Ha infine ammesso di avere sentimenti contrastanti sulla fine dell’Universo di X-Men come lo conosciamo ora che i mutanti approderanno ai Marvel Studios:

Amo questi personaggi, amo questo mondo. Sarò emozionatissimo di scoprire cosa ne farà la Marvel.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

LEGGI ANCHE

Questa la sinossi:

La telepate Jean Grey sviluppa incredibili poteri psichici che corrompono la sua mente, trasformandola nella terribile Fenice Nera.Gli X-men alle prime armi, Ciclope (Tye Sheridan), Tempesta (Alexandra Shipp), Nightcrawler (Kodi Smit-McPhee) e Quicksilver (Evan Peters) uniscono le forze con l’indomita Mystica (Jennifer Lawrence) e l’imprevedibile Magneto, ora a capo di un gruppo di mutanti dell’isola di Genosha, per salvare la vita della loro amica.

Nel film troveremo James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Nicholas Hoult, Tye Sheridan, Evan Peters, Kodi-Smit McPhee, Alexandra Shipp, Lamar Johnson, Sophie Turner e Jessica Chastain.

 

Consigliati dalla redazione