Che Jared Leto non abbia preso benissimo il grande successo del Joker di Todd Phillips era cosa nota già da qualche tempo, ma oggi l’Hollywood Reporter getta nuova luce sulla vicenda svelando che l’attore di Suicide Squad avrebbe fatto di tutto per far cancellare il film che recentemente ha vinto il Leone d’Oro al Festival di Venezia.

Secondo il sito, Leto si aspettava di essere coinvolto in una pellicola in solitario su Joker, e si è sentito tradito quando ha visto che la Warner aveva dato il via libera a un progetto completamente diverso con un nuovo protagonista. L’attore non si è quindi limitato a lamentarsi con i suoi agenti alla CAA, ma ha coinvolto anche il suo manager musicale, Irving Azoff, cercando di convincerlo a chiamare la dirigenza della Warner per cancellare il progetto. Una fonte legata all’attore smentisce totalmente questa voce, mentre Azoff (che nel frattempo ha smesso di rappresentare Leto) non ha voluto commentare  – l’Hollywood Reporter afferma che l’agente ha ricevuto la richiesta ma non ha mai fatto la chiamata.

L’unica conseguenza diretta di questa situazione sembra sia stata la fine del rapporto tra Leto e la sua agenzia, la CAA, accusata dall’attore di non aver combattuto abbastanza per la “sua” visione di Joker presso la Warner. Ora viene rappresentato dalla WME, e il rapporto con la Warner prosegue: sta infatti lavorando a Little Things di John Lee Hancock al fianco di Rami Malek e Denzel Washington.

Rimane il fatto che è praticamente impossibile che il suo Joker faccia la sua comparsa in Birds of Prey o nel nuovo The Suicide Squad di James Gunn.

Joker, una selezione dei nostri approfondimenti:

 

Consigliati dalla redazione