In un thread su Twitter uno degli sceneggiatori di Zombieland: Doppio Colpo Paul Wernick – ha svelato un estratto dalla sceneggiatura originale del primo film che prevedeva un cammeo di Mark Hamill e pieno di citazioni a Star Wars.

Lo sceneggiatore ha spiegato che anni fa, durante la lavorazione, Sylvester Stallone e Patrick Swayze rifiutarono un cammeo (Swayze, purtroppo, all’epoca stava già troppo male per lavorare), così la produzione pensò di coinvolgere Mark Hamill.

Nella scena, i protagonisti arrivano nella villa della celebrità piena di oggetti da collezione di Star Wars. Tallahassee confessa di aver sempre ammirato Luke Skywalker da piccolo e di esser stato preso in giro per questo. Racconta poi di aver incontrato Mark Hamill a Las Vegas una volta e di aver sputato nel suo cocktail. La sua vendetta per un’infanzia tormentata si conclude con il personaggio interpretato da Woody Harrelson che di fatto uccide Hamill.

Provammo a usare la Forza” ha detto Wernick sulla proposta fatta invece a Hamill. “Ma ricevemo un violento ‘No, caz*o’“.

 

 

 

Vi sarebbe piaciuto un cammeo di Mark Hamill nel primo Zombieland?

Vi ricordiamo che il sequel Zombieland: Doppio Colpo, scritto da Rhett Reese & Paul Wernick e Dave Callaham, è uscito il 18 ottobre 2019 negli Stati Uniti, per la regia di Ruben Fleischer, e in Italia il 14 novembre.

La sinossi ufficiale:

Dieci anni dopo il primo film, Woody Harrelson, Jesse Eisenberg, Abigail Breslin e Emma Stone di nuovo insieme sul grande schermo in Zombieland – Doppio Colpo. Sequel del cult movie Benvenuti a Zombieland, il film è diretto ancora una volta da Ruben Fleischer e scritto da Rhett Reese & Paul Wernick, già autori del primo film, e Dave Callaham.

Tra violenza, distruzione e situazioni comiche, che si diffondono dalla Casa Bianca al resto del Paese, i quattro protagonisti dovranno affrontare nuove forme di zombie, evolute rispetto al primo film, e incontreranno altri umani sopravvissuti. I quattro dovranno inoltre fronteggiare le crescenti difficoltà della loro irriverente quanto improvvisata famiglia.