In una intervista con Business Insider i fratelli Russo hanno parlato del salto temporale di cinque anni di Avengers: Endgame e dei motivi dietro tale decisione.

Volevamo abbastanza tempo che permettesse [ai Vendicatori] di cambiare” ha commentato Joe Russo. “Avevamo bisogno del tempo necessario per l’elaborazione del dolore e per scoprirne l’impatto“.

Hanno accettato la cosa e hanno fatto delle scelte su come andare avanti con il futuro, una cosa che cambia le persone. Chiaramente, Banner è cambiato drasticamente“.

Tony Stark è l’unico a cui è stata concessa una seconda possibilità: Pepper è sopravvissuta allo schiocco e nel corso dei 5 anni ha avuto modo di crescere e stare con sua figlia Morgan. Altri personaggi, invece, hanno bisogno di essere salvati, come il Dio del Tuono.

Thor si è isolato sempre di più ed è diventato depresso” ha spiegato Joe. “Un anno non sarebbe bastato per arrivare all’effetto desiderato, mentre cinque anni hanno un carattere più permanente per il pubblico“.

Ritrarre un Thor decisamente più in carne ha comportato alcune difficoltà, come spiegato da Anthony:

Chris Hemsworth ha dovuto indossare un’imbottitura sul corpo per il ruolo e abbiamo dovuto fare avanti e indietro [con il suo aspetto fisico]. Mentre giravamo Endgame abbiamo dovuto girare scene aggiuntive per Infinity War, perciò abbiamo dovuto destreggiarci tra i due aspetti. L’imbottitura comunque era bella pesante, e ha cominciato a gravare sulla sua schiena, una situazione spaventosa per un attore che deve essere fisicamente prestante.

 

 

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Avengers: Endgame è al cinema dal 24 aprile.

LEGGI ANCHE

Il film è stato diretto da Anthony e Joe Russo ed è stato scritto da Christopher Markus e Stephen McFeely. Tra i produttori esecutivi anche Jon Favreau, regista dei primi due Iron Man.