Tra le parole d’ordine e le espressioni chiave di questo 2020, siamo pronti a scommettere che “socialmente distanziati” sarà quella che ci ricorderemo più a lungo, insieme a tutte le sue varianti e adiacenze: “isolati”, “quarantenati”, “metro di distanza”… L’Anno della Pandemia (che titolo fenomenale per un film post-apocalittico, tra l’altro) ci ha insegnato l’importanza di mantenere le distanze, di fermare l’invasione del nostro spazio personale, e poi la pericolosità degli abbracci, delle strette di mano, della lingua in bocca, di qualsiasi cosa che possa farci entrare in contatto con un altro essere umano – e tutto questo se avete avuto fortuna e finora non avete preso il virus!

Se ci scherziamo su è perché ormai, a pochi giorni dalla fine dell’anno, non abbiamo più la forza di preoccuparci 24 ore al giorno e vogliamo solo farci due risate (isteriche). Ma è vero che il nuovo ...