È Deadline ad annunciare in esclusiva che Howard Shore è ufficialmente in trattative per scrivere le musiche de Il Signore degli Anelli. Si tratterebbe di un vero colpaccio per la serie Amazon Studios dal momento che il noto compositore sarebbe l’unica figura a ritornare nella Terra di Mezzo dopo l’esalogia di film diretti da Peter Jackson.

Si tratta di un colpo di scena piuttosto importante per una serie che ha un costo stimato di 465 milioni di dollari solo per la sua prima stagione, rendendola la serie televisiva più costosa di tutti i tempi.

A metà agosto c’era stato un altro importante colpo di scena: Amazon Studios aveva infatti annunciato che avrebbe spostato la produzione della seconda stagione nel Regno Unito, lasciando così la Nuova Zelanda, da anni considerata la Terra-di-Mezzo cinematografica.

Amazon ha quindi poi confermato che la pre-produzione della seconda stagione partirà nel Regno Unito il 1 gennaio 2022, e che le riprese inizieranno nella seconda metà dell’anno prossimo. Ricordiamo che quando la serie era ancora in sviluppo si parlò della concreta possibilità che venisse girata in Scozia. Poi venne annunciato che le riprese si sarebbero svolte in Nuova Zelanda, ma con il lockdown molti membri della troupe e del cast sono rimasti mesi lontani da casa: spostare la produzione in Inghilterra dovrebbe essere logisticamente più comodo. Non è chiaro, comunque, se le riprese si terranno esclusivamente in Inghilterra o in Nuova Zelanda potrebber rimanere troupe di seconda unità.

La prima stagione della serie debutterà, come annunciato qualche settimana fa, su Prime Video il 2 settembre 2022.

La sinossi ufficiale della serie:

La nuova serie di Amazon Studios porta sullo schermo per la primissima volta le eroiche leggende della mitica Seconda Era della storia della Terra-di-Mezzo. Questo epico dramma è ambientato migliaia di anni prima degli eventi de Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli di JRR Tolkien, e riporterà gli spettatori in un’era nella quale vennero forgiati grandi poteri, regni raggiunsero la gloria e caddero in rovina, improbabili eroi vennero messi alla prova, la speranza era appesa al più sottile dei fili, e il più grande villain che sia mai scaturito dalla penna di Tolkien minacciò di avvolgere tutto il mondo nell’oscurità.

Cominciando in un’epoca di relativa pace, la serie segue un cast corale di personaggi, sia nuovi che familiari, verso il confronto con il ritorno a lungo temuto del male nella Terra-di-Mezzo. Dalle oscure profondità delle Montagne Nebbiose, alle maestose foreste della capitale degli elfi di Lindon, all’isola mozzafiato del regno di Númenor, ai confini più remoti della mappa, questi regni e questi personaggi lasceranno delle eredità che sopravviveranno a lungo dopo la loro scomparsa.

Figurano nel cast Robert Aramayo (il giovane Ned Stark in Game of Thrones), Owain Arthur, Nazanin Boniadi, Morfydd Clark, Ismael Cruz Cordova, Ema Horvath, Markella Kavenagh, Joseph Mawle (Benjen Stark in Game of Thrones), Tyro Emuh, Sophia Nomvete, Megan Richards, Dylan Smith, Charlie Vickers, Daniel Weyman.

Fanno parte del cast anche: Cynthia Addai-Robinson, Maxim Baldry, Ian Blackburn, Kip Chapman, Anthony Crum, Maxine Cunliffe, Trystan Gravelle, Sir Lenny Henry, Thusitha Jayasundera, Fabian McCallum, Simon Merrells, Geoff Morrell, Peter Mullan, Lloyd Owen, Augustus Prew, Peter Tait, Alex Tarrant, Leon Wadham, Benjamin Walker e Sara Zwangobani.

La serie è guidata dagli showrunner ed executive producer J.D. Payne e Patrick McKay, insieme con il regista J.A. Bayona che dirigerà i primi due episodi e sarà anche executive producer al fianco della sua partner creativa Belén Atienza; gli altri executive producer sono Lindsey Weber, Wayne Che Yip, Bruce Richmond, Callum Greene, Gennifer Hutchison, Jason Cahill, Justin Doble e Sharon Tal Yguado.

Nel team vi sono poi la costumista Kate Hawley, lo scenografo Rick Heinrichs, il supervisore degli effetti visivi Jason Smith e l’illustratore e concept artist John Howe.

Che cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti.