Attenzione! La notizia che segue contiene spoiler sul film!


 

Se avete visto Avengers: Endgame, sapete che nel film vengono ripercorsi alcuni importanti snodi narrativi relativi alle “vecchie” pellicole dell’Universo Cinematografico della Marvel.

Fra queste figura anche Thor: The Dark World, un film che, all’epoca venne accolto in maniera decisamente tiepida e che, anche oggi, viene ricordato come una ciambella riuscita… senza buco.

Gli sceneggiatori dei quattro film Marvel dei fratelli Russo, Christopher Markus e Stephen McFeely, sono stati anche gli autori della pellicola “incriminata” e, in una chiacchierata col Los Angeles Times, hanno potuto riparlare anche di questo exploit poco riuscito.

Per noi [la reputazione del film] non contava nulla. Serviva “andare lì” perché era lì che stava una delle Gemme. Il secondo atto di Endgame ci mostra gli Avengers che “tornano negli altri film” e recuperano le pietre. Tolto un brevissimo momento in cui si sarebbe trovata con Benicio del Toro nel museo del Collezionista, era ad Asgard durante il lungometraggio. E per quel che riguarda Benicio del Toro, lo avevamo già visto in Infinity War.

Uscito nel 2013, Thor: The Dark World ha incassato 644.6 milioni di dollari e si è attestato su una media del 66% di recensioni positive su Rottentomatoes.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Avengers: Endgame è al cinema dal 24 aprile.

LEGGI ANCHE

Il film è stato diretto da Anthony e Joe Russo ed è stato scritto da Christopher Markus e Stephen McFeely. Tra i produttori esecutivi anche Jon Favreau, regista dei primi due Iron Man.