Dopo James Gunn, Joss Whedon, Simu Liu, Samuel L. Jackson e Robert Downey Jr., anche Karen Gillan si unisce al coro “Marvel” commentando le dichiarazioni di Martin Scorsese sul cinema.

Non li guardo. Ci ho provato, per carità, ma non sono cinema” ha di recente dichiarato il regista di The Irishman in un’intervista con Empire. “In tutta onestà, al netto del quanto bene siano fatti e di quanto impegno possano mettere gli attori in circostanze come quelle, posso pensare a loro come a dei parchi divertimento. Non si tratta di cinema in cui esseri umani cercano di veicolare emozioni o esperienze psicologiche ad altre persone“.

James Gunn – ricordiamo – aveva risposto in questi termini:

Martin Scorsese è uno dei miei cinque registi preferiti fra quelli ancora in vita. Ero rimasto oltraggiato quanto la gente se la prese con L’ultima tentazione di Cristo senza averlo visto. Mi rattrista constatare che lui oggi faccia lo stesso con i miei film. Detto questo, amerò sempre Scorsese per il suo contributo alla settima arte e non vedo l’ora di vedere The Irishman.

In un’intervista con l’Hollywood Reporter l’interprete di Nebula nei film dell’Universo Marvel ha voluto prendere le parti di Gunn nel confronto con Scorsese sostenendo che: “I film Marvel sono assolutamente cinema. Il cinema è narrazione per immagini“.

Ha poi specificato che i film di Guardiani della Galassia nello specifico sono un’espressione artistica dell’anima di James Gunn:

C’è così tanto cuore e anima [in quei film], l’anima di James è tutta lì. Trasferisce ai film così tanta personalità e senso dell’umorismo che sono una grossa rappresentazione della sua identità come persona, pertanto sono molto cinematografici. È un artista.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

Consigliati dalla redazione